Chiamaci al numero 051774002

Occhiali per bambini

Guida alla scelta degli occhiali per bambini

Gli occhiali da vista per i bambini il più delle volte rappresentano una necessità e non un semplice vezzo come frequentemente capita per gli adulti: occorre infatti optare per tale soluzione qualora vengano riscontrate problematiche legate alle capacità visive quali ad esempio l’ambliopia, il cosiddetto “occhio pigro” tipico dei bambini in età prescolare e scolare. Tuttavia quando si rende necessario scegliere gli occhiali da bambino, è utile prendere in considerazione fattori ben differenti rispetto agli adulti, specie quando si parla di montature: età, conformazione fisica e la stessa problematica oculare in atto, incidono in maniera significativa proprio sulla scelta della montatura, poiché anche la forma degli occhiali da vista può influire sul corretto sviluppo visivo del piccolo.

La forma della montatura per occhiali da vista per bambini, non è mai casuale: se il piccolo presenta problematiche visive marginali è in questo caso possibile spaziare nello stile e nell’estetica giocando con le forme. Diversamente la miopia così come l’ipermetropia, richiedono necessariamente una struttura idonea a supportare le lenti adeguate alla correzione. Caratteristica imprescindibile resta comunque il comfort unito all’alta resistenza del materiale: il bambino dovrà sentirsi soddisfatto del proprio occhiale senza tuttavia considerarlo un fattore di imbarazzo.

Come faccio a capire se il bambino ha bisogno degli occhiali?

Problematiche legate alla vista quali ad esempio miopia, strabismo e ipermetropia colpiscono oltre il 20% dei bambini: comprendere se il piccolo necessiti degli occhiali, anticipando la visita oculista è possibile, prestando attenzione a una serie di segnali inequivocabili che possono rappresentare un vero e proprio campanello d’allarme. Se il piccolo tende a sbattere con frequenza le palpebre o in alternativa socchiude gli occhi nel tentativo di vedere meglio, è necessario intervenire quanto prima per evitare che tali sintomi degenerino in vere e proprie patologie oculari. Allo stesso modo se trattiene gli oggetti troppo vicino agli occhi, a casa come a scuola è probabile che le sue capacità visive rendano difficile la messa a fuoco. Occorre inoltre prestare attenzione all’approccio del bambino nei confronti dello studio: se infatti tende a segnare le righe col dito o presenta difficoltà nella lettura così come nella scrittura, con errori di ortografia eccessivamente frequenti, anche tali fattori potrebbero concretizzare la manifestazione di una problematica oculare a monte.

Ulteriore campanello d’allarme può essere rappresentato dal continuo sfregamento degli occhi: qualora infatti il bambino presenti prurito, occorre prendere le dovute precauzioni, monitorandone il comportamento e incitandolo a evitare il contatto mediante le mani specie se sporche. Allo stesso modo stanchezza e frequenti mal di testa dovuti all’eccessiva concentrazione, possono essere un sinonimo di problemi alla vista: in questo caso il piccolo tenderà inevitabilmente a sforzarla ad esempio a scuola nel tentativo di focalizzare al meglio quanto scritto alla lavagna dall’insegnante.
È importante dunque che i genitori sappiano cogliere questi segnali e intervengano attraverso una visita immediata presso uno specialista: fortunatamente molti dei disturbi che coinvolgono la vista, se riconosciuti in tempo, possono essere corretti in maniera relativamente semplice.
Il Centro Ottico Pianoro si prende cura della vista dei bambini attraverso visite oculistiche accurate mettendo a disposizione una vasta gamma di modelli di occhiali in grado di soddisfare ogni genere di esigenza e un’assistenza attenta e professionale volta a guidare e a supportare ogni cliente dalla fase di scelta fino all’acquisto.

Contatta subito il Centro Ottico Pianoro per saperne di più o per prenotare un controllo della vista

Come scegliere le lenti adatte per bambini

La scelta delle lenti adatte ai bambini risulta basilare poiché tali elementi, imprescindibili dall’occhiale, devono essere in grado di resistere facilmente agli urti così come a ogni genere di impatto risultando infrangibili e altresì possedere specifiche caratteristiche protettive in funzione dell’utilizzo, in modo tale da garantire un campo visivo ampio e regolare, in grado di ricoprire sufficientemente l’occhio.

Meglio dunque orientarsi su lenti monofocali, sottili e leggere, che assicurino comfort e praticità all’indosso. Devono preferibilmente resistere all’acqua, allo sporco e alla polvere risultando facili da pulire e devono inoltre garantire un’adeguata protezione ai raggi ultravioletti, specie se l’occhiale rappresenta un accessorio utilizzato nel tempo libero e all’aria aperta. È pertanto disponibile una vasta gamma di trattamenti quali antigraffio, antiriflesso e indurenti volti ad assicurare una maggiore resistenza e affidabilità all’occhiale stesso. In alternativa le lenti in policarbonato possono essere un compromesso ottimale poiché coniugano i filtri UV più all’avanguardia, alla leggerezza e allo spessore più idoneo per i bambini, per lo sport, e per tutte le attività oudoor.

Come scegliere la montatura degli occhiali per bambini

Scegliere la montatura degli occhiali per bambini non è affatto semplice, questo poiché deve rispondere a determinate caratteristiche per non essere percepita dal bambino come qualcosa di estraneo: deve assecondare la forma del viso e risultare piacevolmente impattante per il piccolo che in questo modo risulterà motivato e orgoglioso di sfoggiare i propri occhiali senza sentirsi a disagio a scuola o in compagnia dei propri amici. Al di là dell’aspetto puramente estetico, è necessario tuttavia valutare ovviamente anche la praticità d’uso, a cominciare dalla calzata.

La calzata della montatura

È sempre importante selezionare un modello di occhiali da bambino in grado di adattarsi ai tratti e alla forma del viso del bimbo in modo tale da calzare adeguatamente senza scivolare o risultare fastidioso. Meglio dunque prediligere montature piccole e compatte, in modo tale da ridurre il rischio che risultino fastidiose. Caldamente sconsigliato invece l’acquisto di montature grandi, ritenendo che possano risultare definitive in previsione della crescita del bambino.

Il materiale con cui è fatta la montatura

Particolare attenzione deve essere dedicata ovviamente anche al materiale impiegato per le montature degli occhiali, il quale deve risultare idoneo ad assecondare la naturale predisposizione dei bambini al movimento. La montatura dovrà quindi essere robusta e leggera, garantendo al tempo stesso comfort e flessibilità. Meglio prediligere la celluloide, acetato o il silicone, versatile e disponibile in molteplici colori a montature metalliche che potrebbero determinare spiacevoli reazioni allergiche. In alternativa sono disponibili materiali hi-tech quali ad esempio il titanio, un materiale leggero, resistente e antiallergico, perfetto anche per i più piccini.

Aste e ponti nasali

Quando si parla di montature degli occhiali per bambino, occorre dedicare un approfondimento alle aste, elemento che non dovrebbe mai determinare una pressione eccessiva sulle tempie del piccolo, sempre però mantenendo la corretta posizione dell’occhiale a prescindere dal movimento. Per bambini dinamici e sportivi è preferibile orientarsi verso le aste sportive, flessibili e in grado di adattarsi perfettamente alle orecchie dei piccoli, complice il rivestimento in morbida plastica che permette di raggiungere stabilmente la zona dei lobi.
Il ponte nasale degli occhiali, la struttura che permette la perfetta adesione dell’occhiale al naso, deve invece presentare una superficie di contatto quanto più larga possibile, specie se il bambino è piccolo e non presenta un setto nasale ancora perfettamente definito. Solo in questo modo, grazie a una superficie di contatto sufficientemente ampia il bambino troverà la montatura confortevole, stabile e perfettamente idonea al movimento.

Occhiali da vista per bambini: quali marche scegliere

Il Centro Ottico Pianoro, dispone di moltissimi modelli di occhiali per bambini delle migliori marche, da sempre sinonimo di qualità e di affidabilità. Rayban propone modelli moderni e funzionali quali ad esempio Wayfarer Junior Optics realizzato in resistente acetato a partire da circa 100€ mentre sicuramente degne di nota sono tutte le montature Piccino, coloratissime e realizzate con materiali di elevata qualità, quali ad esempio l’acciaio inox svedese e uno speciale polimero di gomma certificato anche per idoneità alimentare.
Per conoscere tutte le montature per bambini disponibili o richiedere un preventivo accurato, il Centro Ottico Pianoro è a disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie al fine di acquistare il prodotto più adeguato.

Come far abituare il bambino all’uso degli occhiali

Abituare il bambino all’utilizzo degli occhiali da vista può essere semplice, adottando alcuni accorgimenti in grado di indurlo ad indossarli serenamente senza provare disagio o imbarazzo.
È opportuno far capire al bambino l’importanza dell’occhiale nella risoluzione di una problematica che di per sé provoca fastidio: rendendosi conto in prima persona di quelli che possono essere i benefici immediati in termini di capacità visiva, risulterà invogliato a indossarli percependone più facilmente l’importanza. Meglio dunque non porre forzature o attribuire punizioni inutili: il piccolo deve essere abituato ad indossare gli occhiali gradualmente, partendo dalle attività principali quali la scuola, lo studio e lo sport, per poi passare a poco a poco a un utilizzo quotidiano completo. La reticenza dei bambini nei confronti degli occhiali da vista, spesso deriva dal timore di essere derisi e presi in giro: in questo caso è importante che il genitore faccia capire al piccolo che si può essere piacevoli anche con gli occhiali, che se resi accattivanti sotto l’aspetto estetico, rappresentano un accessorio in grado di valorizzarne la fisionomia.
Fornire alcuni consigli pratici per educare il bimbo all’uso degli occhiali e fare in modo che li indossi serenamente.

È infine opportuno che i genitori monitorino le condizioni del bambino nel momento stesso in cui inizia a utilizzare gli occhiali: non è strano infatti che inizialmente possano presentarsi particolari sintomatologie dovute a una differente percezione dello spazio, che subisce repentine modifiche date da un campo visivo allargato o comunque ottimizzato. Capogiri, stanchezza oculare, lacrimazione, emicrania e nausea possono rappresentare un campanello d’allarme che può indurre preoccupazione. Qualora il bambino presentasse tali sintomi, è sempre opportuno rivolgersi con fiducia al proprio ottico, in modo tale che possa verificare la condizione dell’occhiale e apportare le dovute ed eventuali modifiche.

CONCLUSIONE

Desideri saperne di più o prenotare un controllo della vista? Il Centro Ottico Pianoro, da sempre sinonimo di competenza e professionalità è a disposizione per fornirti tutte le informazioni necessarie volte alla scelta dell’occhiale più adatto ad assecondare le tue esigenze.